Conosciamo Chieri


Proseguendo la conoscenza del territorio che ci circonda, sono state programmate due visite a Chieri per approfondire la storia e l’arte di questa città che ha origini già dal II secolo A.C.

Di seguito troverete i dettagli delle due visite:

Martedì 3 novembre: La Chieri medievale: fra arte religiosa e privata

Il percorso nella città dalle 100 Torri, perfettamente visibili in un prezioso dipinto del Moncalvo, parte dalla monumentale struttura della Collegiata d Santa Maria della Scala, il Duomo di Chieri, annoverata tra le chiese più grandi e più importanti del Piemonte e prezioso scrigno di tesori artistici. Celebre il suo Battistero di forma ottagonale romanica splendidamente affrescato nel ‘400 da Guglielmo Fantini, allievo di Jaquerio.

La visita proseguirà nel Centro Storico, percorrendo via Vittorio Emanuele (via Maestra) che unisce idealmente il convento di San Domenico con quello di Sant’Antonio e mostra ricordi di maestose residenze nobiliari del ‘400. Si raggiungerà quindi il Ghetto Ebraico nel quale soggiornò il re francese Carlo VIII nel 1494. Si scopriranno infine le mitiche torri di Chieri.

Sabato 14 novembre: La Chieri della chiocciola: il cuore storico della città

Incontro con la guida e partenza per un interessante itinerario che inizia con la salita alla Rocca di San Giorgio, cuore della Chieri dell’anno 1000. Dal piazzale si avrà visione dell’insediamento urbano: le vie della Chiocciola, il rosso delle strutture gotiche, le ciminiere delle manifatture tessili, le pianure del Cuneese, le Alpi Occidentali e le colline fino all’Astigiano. La Chiesa di San Giorgio ci svelerà segreti, curiosità e grandi capolavori artistici. Le vie della chiocciola ci mostreranno nobili palazzi, e abitazioni sconosciute anche ai chieresi. Si arriverà in Piazza Mazzini, luogo del potere, dove ancora oggi emergono tracce di finestre e decorazioni medievali.